Fare shopping online senza spam

Un problema frequente per milioni di users in Italia e nel mondo riguarda la libertà di poter fare acquisti online senza essere obbligati a rilasciare il consenso per l’utilizzo dei loro dati per finalità di marketing.
Per fare shopping online oggi siamo obbligati a fare l’iscrizione al sito inserendo i dati personali e quelli di fatturazione.

Spesso ci viene richiesta la mail per poter procedere e, puntualmente, ci viene inviata la newsletter nonostante noi non abbiamo accettato ne dato la nostra disponibilità a riceverle.

Alcuni utenti hanno presentato reclamo al Garante della Privacy poiché, nonostante loro avessero esercitato il loro diritto di opposizione al trattamento dei dati, continuavano a ricevere mail.

Nonostante la loro esplicita dichiarazione di negazione alla ricezione di mail, era risultato da una indagine effettuata dal nucleo speciale della guardi di finanza sulla privacy che per poter iscriversi e procedere all’acquisto era obbligatoria selezionare la casella riguardo il trattamento dei dati.

La casella, infatti, stabiliva che i dati immessi venivano trattati non solo per le modalità definite dal trattamento per i servizi online ma che erano utilizzati da imprese terzi ed affiliati per la loro pubblicità. Quindi vi era una vera e propria banca dati raccolti dall’utente che li riutilizzava per finalità commerciali.

Il garante ha stabilito che non è necessaria la pubblicità online per poter accedere alla “vetrina on-line” dei prodotti offerti dal sito e che l’invio delle mail pubblicitarie deve essere ottenuto liberamente e senza vincoli ovvero deve essere una sezione apposita che permetta all’utente di ricevere pubblicità solo se queste sono di suo interesse.

È stato riscontrato che i dati raccolti dalla società sono oltre i limiti necessari per la navigazione sul sito, violando cosi il termine della minimizzazione dei dati raccolti. A causa di questa raccolta di dati, è stato imposto dal Garante della privacy il divieto di utilizzo per finalità di marketing.

Il consiglio che si dà a tutti gli utenti/users di internet è di leggere sempre attentamente le privacy policy aziendali perché una volta che si entra in questo circolo vizioso, è difficilissimo uscirne fuori con conseguente e costante ricezione di mail indesiderate.

Se il problema persiste, rivolgetevi presso le autorità di competenza cosi da risolvere il problema definitivamente e aiutare migliaia di utenti che come Voi si vedono ogni giorno bombardati da mail pubblicitarie.

Noi di CONSILIA SRL siamo in grado di creare una procedura di Privacy Policy che rispetti tutti i parametri standard previsti dal nuovo GDPR e rispetti la legge n.° 196 del 2003 in materia di Privacy. Grazie a noi, molte aziende hanno evitato di commettere errori che sarebbero potuti costare cari alle loro attività (inteso in senso amministrativo ed economico).

Sul nostro sito usiamo cookies. We are using cookies on our website.

Per favore confermare se accettate i nostri cookies.Avete la possibilità di negare la tranciabilità, quindi potete continuare a visitare il nostro sito senza che i vostri dati vengano trasmessi a servizi terzi.

Please confirm, if you accept our tracking cookies. You can also decline the tracking, so you can continue to visit our website without any data sent to third party services.