Alluvione Livorno: Finanziamento per far ripartire una intera città

E difficile ripartire dopo un disastro naturale, soprattutto se questo è inaspettato come è successo nel
comune di Livorno: una inondazione causata da un maltempo improvviso e talmente forte da stravolgere in
poco tempo la vita dei cittadini nelle frazioni limitrofe e quella degli abitanti livornesi.
Per aiutare la popolazione locale a riprendersi dal disastro naturale che ha coinvolto tutta la popolazione
locale, la macchina della solidarietà si è mossa per cercare di favorire la ripresa delle normali attività
economiche oggetto dell’alluvione.

Per cercare di favorire la ripresa delle normali attività, le banche locali hanno messo in atto la possibilità di
ricorrere a finanziamenti agevolati in modo tale da favorire la ripresa economica della provincia e tornare,
se possibile, ala quotidianità persa.

Le banche locali hanno stanziato fondi a favore delle attività locali per favorire gli investimenti tramite lo
stanziamento di prestiti agevolati a favore degli imprenditori locali. Obiettivo è favorire una ripresa
economica che non sia troppo gravosa sul bilancio dei commercianti e imprenditori duramente colpiti da
questo cataclisma improvviso.

Non solo le banche locali si sono attivate per favorire la ripresa economica ma anche la Regione ha deciso
di aiutare i propri cittadini. Come? In tre modi diversi:

GARANZIA fino a 640 MILA A IMPRESA: per le imprese viene riconosciuto la possibilità di ottenere una
garanzia su operazioni finanziarie a fronte delle esigenze di liquidità e delle imprese operanti nel settore
manifatturiero. Fino ad un massimo di 640 mila euro sono garantiti a copertura degli oneri finanziari e non
si devono dare beni materiali in garanzia o fideiussione.

MICRO-CREDITO A TASSO ZERO: si tratta di piccoli prestiti a tasso zero che devono essere presentati entro i
24 mesi dall’evento catastrofico. Non sono necessario garanzie di carattere personale ed è garantito un
massimo di 25 mila euro. Sono beneficiari le MPMI.

DIFFERIMENTO DI AIUTI RIMBORSABILI: nel caso di rimborso di finanziamenti a tasso agevolato concessi
dalla regione su fondo rotativo, l’impresa colpita da calamità naturale può presentare una domanda di
rientro diversa da quello precedentemente preventivato. In base al progetto presentato, il rientro può
essere determinato diversamente.

Inoltre, oltre alle convenzioni adottate dalla regione Toscana, vi sono molte banche che offrono
investimenti agevolati per favorire gli investimenti nelle attività produttive.